2021-08-27

Addio Bollo Auto: ad eliminarlo è l'ultimo DPCM Draghi

 

Il provvedimento che consiste nell'eliminazione del bollo auto e nella cancellazione della tassa automobilistica rientra tra quelli contemplati dal Decreto Sostegni voluto dal governo Draghi. 

Inoltre sono previste altre novità annunciate dalle Regioni con nuove sospensioni, esenzioni e perfino il rimborso degli importi passati. In questa breve guida vediamo tutte le novità sul tema "bollo auto e cancellazione arretrati auto".

Il 2021 potrebbe essere un anno da ricordare per molti fortunati cittadini che potranno scordarsi del bollo auto.

Il provvedimento voluto dal governo Draghi e introdotto con il DL Sostegni stabilisce che quanti hanno arretrati di bollo auto da pagare potrebbero vedere il loro debiti cancellati per sempre. Per poter giovare del beneficio occorrono però alcuni requisiti.

Per quali contribuenti è stato cancellato il bollo auto?

Solo i contribuenti in alcune condizioni potranno usufruire di questo provvedimento. In primo luogo la cancellazione del vecchio bollo auto, come di altre tasse detestate (IMU, Canone RAI), sarà valida solo se i debiti sono stati iscritti a ruolo, cioè già notificati mediante una cartella esattoriale, nell’arco di tempo compreso tra il 1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010.

Inoltre perché si possa beneficiare dello stralcio dei debiti, così si chiama questo provvedimento incluso nella Pace Fiscale del Decreto Sostegni, occorrono altri due requisiti.

L'ISEE del nucleo di cui fa parte il titolare della cartella esattoriale non deve superare, nel 2019, i 30.000 euro.

In più l’importo massimo delle cartelle deve essere di 5.000 euro da considerarsi al lordo.

Dunque le persone che posseggono tutti questi requisiti non dovranno pagare gli arretrati, un sconto pari a 10 anni di bollo auto non pagato.

Quando avverrà la cancellazione del bollo auto?

La cancellazione dei debiti, quindi anche quelli relativi al bollo auto, avverrà automaticamente e sarà effettiva al più tardi entro il 31 ottobre. L’Agenzia delle Entrate ha infatti chiarito tempistica e passaggi dell’iter procedurale, che è già iniziato. Il 20 agosto l’Agenzia delle Entrate è venuta in possesso di tutti i codici fiscali, forniti dagli agenti di riscossione, per cui si conteggiano cartelle di importo massimo pari a 5.000 euro che possono godere del beneficio.

Entro la fine del prossimo mese, il 30 settembre, gli stessi agenti dovranno inviare all’Agenzia un nuovo elenco di codici fiscali. Quello dei contribuenti che nel 2019 avevano un ISEE superiore a 30.000 euro e perciò vanno esclusi dalla Pace Fiscale e non possono godere della cancellazione dei debiti.

Poi un’altra scadenza è fissata al 31 ottobre quando di fatto le carte saranno cancellate e con loro eventuali debiti relativi al bollo auto.

In ultimo l’Agenzia delle Entrate avrà tempo fino alla fine di novembre per notificare agli enti di riscossione quali sono le cartelle eliminate e i debiti stralciati.

Riassumendo per i contribuenti la data utile è il 31 ottobre, termine ultimo dopo il quale il vecchio bollo auto non esisterà più.

Come verificare se gli arretrati del bollo auto sono stati cancellati

Tuttavia nella procedura di stralcio dei debiti non è previsto che l’Agenzia delle Entrate dia alcuna comunicazione ai contribuenti, anche se questo non vuol dire che i cittadini non possano verificare di persona se bollo auto e altri debiti sono effettivamente scomparsi.

L’Agenzia ha infatti istituito un portale web che permette ai cittadini autenticandosi di verificare se sono eleggibili per lo stralcio dei debiti e a che punto è la procedura.

Per autenticarsi non necessari un’email, il codice fiscale e soprattutto il numero della comunicazione ricevuta dall’Agenzia.

Nuova sospensione del bollo auto 2021 in Veneto ed esenzioni in Lombardia Passiamo ad un altro provvedimento che renderà felici i contribuenti e questa volta non si tratta di arretrati e pendenze, ma del bollo auto 2021. Questo perché la Regione Veneto ha varato con una nuova delibera un nuovo provvedimento che di fatto sospende nuovamente la tassa automobilistica di quest’anno. I residenti in Veneto senza distinzioni potranno pagare tutti i bolli auto scaduti o in scadenza quest’anno entro il 30 settembre, senza avere sanzioni o more.

Ma la Regione Veneto non è l’unica ad aver pensato ancora al bollo auto, perché anche la Regione Lombardia ha emanato nuove delibere che eliminano completamente la tassa per alcune categorie di lavoratori. Parliamo di un duplice provvedimento, il primo dei quali cancella il bollo auto 2021 per tutte i veicoli con conducente e adibiti al trasporto di persone, ad esempio macchine a noleggio con autista, taxi e pullman.

Mentre per gli agenti di commercio che lavorano sul territorio lombardo ed essere cancellato retroattivamente è il bollo auto 2020.

Quanti hanno perciò già pagato la tassa dell’anno scorso hanno un bel rimborso che li attende.

Ottenere uno sconto sul bollo auto se si paga con addebito su conto corrente

Ovviamente delle agevolazioni appena descritte, che in qualche modo cancellano il bollo auto, non potranno goderne tutti i cittadini. Allo stesso modo per i contribuenti residenti in alcune zone d'Italia le autorità regionali che amministrano il tributo hanno pensato ad un’agevolazione aggiuntiva.

Cioè la possibilità di uno sconto sul bollo auto, se questo viene pagato con addebito diretto su conto corrente bancario o postale, la cosiddetta domiciliazione bancaria. Al momento chiunque risieda nella Regione Lombardia e scelga di pagare in questo modo il bollo auto, otterrà uno sconto pari al 15% dell’importo totale.

Anche in Campania era stato approvato in passato un provvedimento simile, che offriva il 10% di sconto, ma ora si attende un rinnovo.

In ogni caso andando sul sito ufficiale della propria Regione di residenza si può verificare di persona se una qualche forma di sconto sul bollo auto, quando si paga con IBAN, sia attiva o meno.

Smettere di pagare il bollo auto? Basta sceglie un’auto elettrica

L’unico modo che permette di non pagare il bollo auto per cinque anni a prescindere dalla zona dove si vive o altre condizioni personali è acquistare un’auto elettrica.

I veicoli elettrici infatti, cioè a emissione zero, hanno dei vantaggi speciali come un’esenzione dalla tassa automobilistica che dura per cinque anni e viene calcolata dal momento della prima immatricolazione.

Alla normativa che favorisce i veicoli elettrici si sono adeguate tutte le regioni cosicché l’agevolazione è valida in tutta Italia e applicabile tanto al bollo auto quanto al Superbollo. Inoltre una volta decaduto il beneficio, cioè passati i cinque anni, questo genere di veicoli pagherà comunque cifre più basse per le tasse automobilistiche.

Per quanto riguarda le auto ibride anche loro hanno in Italia un trattamento di favore, ma neanche paragonabile a quello dei veicoli elettrici.

In primo luogo l’applicazione da un punto di vista geografico delle agevolazioni sul bollo auto per le ibride non è uniforma. Alcuni territori sono molto generosi e concedono tre anni di esenzione, altri solo sconto sugli importi.

Ancora una volta per verificare la situazione il modo più pratico e veloce è fare un controllo sul sito della vostra Regione di residenza.

Auto storiche e Legge 104, esenti dal bollo auto per sempre

Ancora di una esenzione a vita dal versamento del bollo auto riguarda i titolari di Legge 104, oltre che i veicoli con più di trent’anni dal momento dell’immatricolazione.

Mentre un’agevolazione pari ad uno sconto del 50% si può applicare alle auto con più di vent'anni se però sono iscritte all’interno dei registri storici.

Una vecchia proposta: arriva il bollo auto con il bonus malus

Una proposta di riforma del bollo auto risale al 2019 in concomitanza con l’introduzione dell’Ecotassa, per la quale la tassa automobilistica andrebbe a pagarsi in proporzione alle emissioni di CO2 dell’auto, dove maggiore è il quantitativo emesso e maggiore anche l’importo del bollo auto.

Questa proposta all’epoca aveva molti sostenitori autorevoli tra i quali Sergio Costa che nel 2019 era il Ministro dell’Ambiente.

La modifica al pari della già citata Ecotassa dovrebbe costituire una sorta di deterrente all’acquisto di auto inquinanti, favorendo quelle a bassa o zero emissione che invece godono di molte agevolazioni.

In senso più ampio si sarebbe dovuto introdurre sul modello assicurativo un bonus malus per il bollo auto, con premi e punizioni basati sul livello di inquinamento prodotto dall’auto.

Da allora però la proposta sembra essere stata dimenticata e il governo Draghi non appare per nulla intenzionato all’attuazione di una manovra simile.

Bollo auto e Superbollo, come si pagano?

Se non siete tra i fortunati cittadini che hanno diritto ai vari sconti, esenzioni e sospensioni allora c’è poco da fare e il bollo auto andrà pagato.

Per versare la tassa si ci può recare presso le sedi ACI oppure anche all’ATM, di persona il tributo può anche essere pagato presso gli uffici del Poste Italiane, nelle ricevitorie SISAL e in tabaccheria se questa aderisce ai circuiti Lottomatica o Banca 5.

Ma ci sono modi più comodi per pagare il bollo auto senza scomodarsi di persona, oltre alla già nominata domiciliazione bancaria, la tassa può essere versata online sul sito dell’ACI o con la App IO.

Per quanto riguarda il Superbollo invece questo non viene gestito dalle autorità locali ma a ha un importo fisso nazionale e di lui si occupa l’Agenzia delle Entrate, perciò può essere pagato solo con il modello F24.

Ricordiamo che il Superbollo è una maggiorazione del bollo auto che sono tenute a pagare solo ed esclusivamente le auto cosiddette “di grossa cilindrata”, cioè quelle con un motore la cui potenza va oltre i 185 Kw, e che consiste in un tot da versare per ogni Kw in eccesso.

 

Fonte: Trends-online.it

Letto 461 volte

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Contattaci

Entra anche tu nella squadra GOMME & SERVICE!

Hai un Punto Vendita che svolge, tra le attività principali, il servizio pneumatici? 
Ti piacerebbe conoscere qualche dettaglio in più ed avere maggiori informazioni in merito al mondo GOMME & SERVICE?

Compila il modulo "CONTATTACI" e verrai contattato quanto prima da un responsabile del progetto:

CONTATTACI

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati . Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra politica privacy .

  Accetto i cookies da questo sito.